Tasse nelle criptovalute: conoscile


Bux Broker

Non sorprende affatto che i governi di tutto il mondo si siano rivolti a vedere il mondo digitale come un luogo senza regolamenti o tasse. Ecco perché sempre più paesi hanno deciso di sviluppare una legislazione focalizzata sulla questione fiscale sulle piattaforme digitali.

Qui parleremo di tasse sulle criptovalute in Europa, in questo caso, in Spagna, uno dei paesi che hanno già una normativa fiscale al riguardo. In questo modo eviterai di incorrere in incidenti fiscali che possono portare a gravi sanzioni da parte delle autorità fiscali spagnole o del tuo paese.

impuestos

➡Come vengono tassate le criptovalute? ✨

La prima cosa che dovresti sapere è che le criptovalute come Bitcoin o Ethereum, tra le altre, pagano le tasse . Questi vengono elaborati in regime di dichiarazione dei redditi, anche se esistono casi particolari per i minatori ed eccezioni. Qui parleremo di ciascuno di questi.

  • Conto Economico (IRPF)

Questo regime è rivolto a quelle persone che hanno investito, acquistato o venduto criptovalute indipendentemente dal loro importo. Qui vengono dichiarate le plusvalenze ottenute mentre le perdite vengono compensate con altre plusvalenze secondo il quadro giuridico e fiscale.

Per dichiararli, la prima cosa che dovresti fare è calcolare le perdite o i guadagni generati dalle tue criptovalute. Quindi, nella sezione delle plusvalenze o minusvalenze, dovrai aggiungerle, questo all'interno del tuo conto economico. Una volta aggiunta, verrà effettuato il calcolo dell'imposta da pagare, che procede secondo il seguente elenco:

  • Utili tra 0 e 6mila euro = 19% di tasse.
  • Guadagno tra 6mila e uno euro e 50mila euro = 21% di tasse.
  • Guadagno superiore a 50mila euro = 23% di tasse.

In caso di perdite, se applichi lo stesso concetto del Forex, non dovrai pagare le tasse se chiudi l'anno in perdita.

  • Imposta patrimoniale

L'imposta sul patrimonio è un tipo di imposta che viene imposta sulla ricchezza o sulla ricchezza delle persone. Nel caso delle criptovalute, questo vale solo se le conservi.

Quando tieni le tue monete virtuali all'interno del tuo Portafoglio viene interpretato come che le stai accumulando, così come se hai tenuto oro o denaro in banca. Questa deve essere dichiarata come imposta sul patrimonio, ovviamente, a condizione che si superi il limite fisso. Per la federazione si tratta di 700mila euro, anche se questo dipende da ciascuna comunità autonoma.

Ti consigliamo di verificare qual è il limite del patrimonio nella tua comunità autonoma. In caso di superamento, dovrai fare la tua dichiarazione in modo che venga effettuato il calcolo corrispondente e l'imposta sul patrimonio sia pagata.

  • Non dichiarano le tasse

Per molti, questo è il punto che tutti vorremmo sentire o leggere in un'e-mail dall'ufficio dell'amministrazione fiscale. Credici o no, Sì, è possibile essere esentati dal pagamento delle tasse per le tue valute virtuali purché soddisfi una condizione.

Ed è che finché non superi il limite stabilito dalla legge (caso imposta sul patrimonio) non dovrai pagare le tasse. Allo stesso modo, non importa che li accumuli nel tuo Wallet, finché non raggiunge il limite non ci saranno problemi, anche se ci sono delle eccezioni da tenere in considerazione.

Ad esempio, se scambi criptovalute con denaro, questa può essere considerata come una transazione e quindi è necessario pagare le tasse. Un'altra transazione in cui ti verranno addebitate le tasse è se scambi valute digitali, ad esempio Bitcoin in Ethereum, e questo genera profitto. In tal caso sarà necessario dichiarare il profitto e pagare l'aliquota fiscale.

  • Minatori

L'estrazione di criptovalute è considerata un'attività economica tassata . Ai fini della legge, un minatore riceve un compenso finanziario (criptovaluta) per i suoi servizi, in questo caso, il data mining per il quale riceve uno stipendio.

In questo caso, la dichiarazione che devi fare è quella corrispondente all'imposta sulle attività economiche, nonché la sezione "Attività economiche" del tuo conto economico. Se superi lo stipendio interprofessionale, devi registrarti come lavoratore autonomo perché cambia il regime fiscale.

Dovresti sapere che i profitti generati da questa attività economica sono dichiarati solo in valuta fiat, cioè in denaro reale. Allo stesso modo, È necessario sottrarre le spese operative fatturate dai profitti generati . Inoltre, è necessario aggiungerli alla base imponibile corrispondente all'imposta sul reddito dell'anno.

➡Altre tasse sulle criptovalute✨

Sebbene le criptovalute fossero soggette a un'imposta aggiuntiva, l'imposta sul valore aggiunto o l'IVA, questa dal 2015 è stata eliminata da esse. Questo perché un cambiamento nella legislazione ha modificato il concetto di criptovalute ai fini della legge.

Esatto, da quell'anno le criptovalute sono accettate come metodo di pagamento, quindi non sono più un prodotto o una risorsa. Ciò significava che l'IVA potrebbe essere eliminata da loro, riducendo così il carico fiscale che il funzionamento di questi ha.

Esiste un modello noto come Modello 720 che dichiara i tuoi beni e diritti situati all'estero. Sebbene molti lo facciano come un processo informativo, in realtà non ha nulla a che fare con le tasse. Questo perché sia ​​i portafogli che le criptovalute non hanno uno stato fisico di per sé.

digibyte

L'importanza di pagare le tasse✨

Indipendentemente dalla percezione che molti hanno delle tasse, poiché molte volte non sono sfruttate come dovrebbero, c'è una buona ragione per pagare le tasse. Ed è che le multe di solito sono molto alte, oltre al fatto che il mancato pagamento può incidere legalmente.

Se non si vogliono avere problemi con la giustizia, lo stesso Al Capone è caduto per evasione fiscale, è meglio che si rispettino le procedure richieste. Fai la tua dichiarazione in modo tempestivo e paga le tasse corrispondenti per evitare di cadere in non conformità o evasione fiscale.


Broker LegacyFX

Pubblicizza con noi

2 commenti in «Tasse nelle criptovalute: conoscile»

  1. Emilia risposta

    Questa azienda è una bufala. Mio marito è stato truffato, non farlo, mi ringrazierai più tardi. Saluti.

    • Brokerconsigliati.com risposta

      Ciao Emiliaa, grazie per aver commentato le tasse nelle criptovalute: conoscile. Questo broker è una truffa. Non mandare loro soldi, vogliono ottenere più soldi possibile con le bugie, le operazioni non sono reali, non mettono i soldi nel mercato, li fanno solo sembrare e alla fine ti dicono che hai perso e lo tengono.

      Se per prelevare i tuoi soldi ti chiedono di più per pagare tasse, tasse, legalizzazioni, ecc. Non farlo, è un chiaro segno che vogliono rubare i tuoi soldi e non restituiranno nulla anche se paghi. Se hai maggiori informazioni sull'azienda, ti chiediamo di condividerle con noi, soprattutto se si tratta di informazioni che ritieni possano aiutare altre persone investendo con questa azienda.

      Hai nomi di consulenti, numeri, email da cui ti hanno contattato? Ricordi come hai trovato questo broker in primo luogo?

      Per riavere i tuoi soldi, prova la nostra chat o questo link: RICHIEDI I TUOI SOLDI, NOI TI AIUTIAMO

      saluti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.